La cellulite colpisce il 90% delle donne, anche normopeso

Cause e rimedi
Si tratta di un inestetismo presente anche in persone normolinee o magre in quanto Ŕ una conseguenza della stasi microcircolatoria dell'ipoderma

 

La cellulite, scientificamente nota come 'pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica', è una condizione che riguarda quasi il 90% delle donne: si tratta di un'alterazione del tessuto ricco di grasso (il pannicolo) posto sotto la cute e concentrato maggiormente nelle zone di cosce, fianchi e glutei.
Si tratta di un inestetismo presente anche in persone normolinee o magre in quanto è una conseguenza della stasi microcircolatoria dell'ipoderma: i fattori che causano queste alterazioni localizzate interessano il microcircolo della massa adiposa, compromettendo la funzionalità dell'unità vascolare del tessuto.


Come e dove si manifesta?

La cellulite si manifesta nelle donne generalmente a partire dai 20 anni d'età. È generalmente localizzata su gambe, glutei, regione lombosacrale, spalle, addome, ecc.
Ma la zona più colpita è la parte posteriore delle cosce: inizialmente si presenta segnata da sporgenze e rientranze, mentre in uno stadio avanzato assume il classico aspetto definito 'a materasso', questo perché vi è un'alternanza di zone molli e dure che impediscono la naturale circolazione della linfa.

La pelle con presenza di cellulite ha un aspetto opaco, con una tonalità violacea ed una temperatura più bassa: presenta la tipica buccia d'arancia al tatto e successivamente vi è la comparsa di noduli fibrosi, ecchimosi per piccoli traumi e dolenza spontanea.


Tipi di cellulite

Si possono distinguere 5 tipi di cellulite:

- cellulite compatta, presente nei soggetti giovani con cute elastica, non visibile

- cellulite flaccida, si sviluppa negli anni e presenta avvallamenti con tessuto ricco di acqua, è visibile in posizione eretta

- cellulite mista, è una manifestazione intermedia tra le prime due forme

cellulite con adiposità, presenta un visibile accumulo di grasso

- cellulite linfoedematosa, è una cellulite molto carica di liquidi e presenta edemi ed insufficienza venosa evidente.


Cause e fattori

Vi è un insieme di cause alla base dell'insorgenza della cellulite:

- fattori genetici: le donne hanno più estrogeni, e ciò favorisce l'accumulo di chili in eccesso e la ritenzione idrica, altre alla maggiore quantità di tessuto adiposo rispetto agli uomini;

- fattori alimentari: un'alimentazione ipercalorica ed iperglucidica può condizionare il metabolismo;

- fattori ormonali: come anticipato, un eccesso di estrogeni facilita l'accumulo di trigliceridi nell'adipocita, il che può anche essere dovuto ad una scorretta assunzione di farmaci. Altri ormoni che portano al rallentamento del metabolismo sono i corticosteroidi, la prolattina e gli ormoni tiroidei;

- fattori aggravanti: ci sono fattori che peggiorano lo stato circolatorio come la sedentarietà, l'abbigliamento troppo costrittivo, alimentazione ipercalorica, tossine (alcool, fumo, conservanti alimentari), stipsi, posture scorrette, gravidanza, ecc.


Trattamenti

I trattamenti ad azione anticellulite sono mirati, per cui è necessario stabilire se si tratti di accumulo di grasso, edema dei tessuti o perdita di tono. È consigliata una dieta ipocalorica e ricca di fibre, un'attività fisica regolare e leggera, e dei massaggi specifici nelle zone interessate.
Sono proprio i massaggi i trattamenti di prima istanza in caso di cellulite.

È possibile trovare tantissimi prodotti per il trattamento della cellulite: scegli i tuoi su Farmaciaitalia.it!